Entre mode et environnement : les actions nécessaires avant qu'il ne soit trop tard

Tra moda e ambiente: le azioni necessarie prima che sia troppo tardi

Inserito da Marketing Melissa il giorno

Un tempo i vestiti si usavano fino a consumarli, bastava ricucirli e rattopparli per riutilizzarli e dar loro la possibilità di continuare il loro viaggio, di allungare la loro vita fino a finire in uno strofinaccio, o uno straccio per rimuovere le macchie d'olio.

Al giorno d'oggi, non è più così. Nei paesi ad alto reddito, in particolare, i consumatori si affrettano ad acquistare vestiti, scarpe e mobili imbottiti, poi presto le cose perdono la loro novità e fascino, quindi se ne liberano alla ricerca del più recente e più moderno, ecc. La prova arriva dal mondo dei dati. Nel 1995 le fabbriche tessili producevano 7,6 chilogrammi di fibra per ogni persona del pianeta. Nel 2018, quel numero era quasi raddoppiato a circa 13,8 chilogrammi pro capite. Se a questo aggiungiamo l'aumento della popolazione mondiale, da 5,7 miliardi di persone a 7,6 miliardi, non sorprende che oggi la popolazione mondiale consumi più di 60 milioni di tonnellate di indumenti all'anno, e questo numero dovrebbe raggiungere quasi 100 milioni di tonnellate entro il 2030.

Perché il termine "fast fashion" ha questo nome?

La ragione di ciò è che l'industria della moda di oggi rilascia nuove linee ogni settimana, a differenza degli anni precedenti in cui accadeva solo quattro volte l'anno. Le case di moda ora producono quasi il doppio dei vestiti rispetto agli anni 2000, la maggior parte dei quali sono realizzati in Cina e in paesi a reddito medio come Turchia, Vietnam e Bangladesh. Il numero di lavoratori dell'abbigliamento nel mondo è stimato a 300 milioni. Sorprendentemente, buttiamo via quasi 50 miliardi di capi di abbigliamento entro un anno dalla loro produzione, osserva un rapporto del maggio 2022 di un seminario di esperti del settore.

Domande scientifiche

Si può dire che i tessuti in generale si dividono in due grandi categorie: la prima, quelli realizzati con fibre naturali, mentre l'altra è costituita da fibre sintetiche. I tessuti prodotti da fonti naturali – siano essi vegetali come il cotone o animali come la lana – hanno un grado di relativa stabilità, anche se a produzione lenta. Notiamo invece che le fibre manifatturate, che si basano su polimeri, in particolare poliestere, hanno visto la loro produzione passare da circa 25 milioni di tonnellate annue nel 2000 a quasi 65 milioni di tonnellate nel 2018, secondo il rapporto del suddetto- officina di esperti menzionata. Se tutti questi dati dicono qualcosa, indicano l'entità del danno all'ambiente. Per quanto riguarda l'acqua, l'industria dell'abbigliamento è una delle industrie che consumano più acqua al mondo. Consuma tra i 20 ei 200 trilioni di litri all'anno. E questo effetto non si limita all'esaurimento delle risorse idriche, poiché esiste il pericolo rappresentato dalle microplastiche. Quando laviamo i tessuti in poliestere o altri indumenti a base di polimeri, fuoriescono alcune fibre di plastica, che rappresentano tra il 20% e il 35% del totale delle microplastiche che intasano gli oceani. Aggiungete a ciò i rischi posti da alcune sostanze chimiche utilizzate per realizzare tessuti antimacchia e pesticidi per proteggere le colture agricole come il cotone. Non sorprende quindi che abbiamo un disperato bisogno di cambiare questa situazione, anche se richiede all'industria della moda di lavorare a pieno ritmo per diffondere l'adozione delle idee della cosiddetta economia circolare. . Questo sistema si basa su almeno due assi: il primo è quello di riorientare l'attenzione sulla produzione di beni durevoli, poi di incoraggiarne il riutilizzo; Il secondo è l'espansione di tecnologie e soluzioni di produzione sostenibili, in particolare il riciclaggio. Qui appare più chiaramente il ruolo della ricerca scientifica, sia in ambito accademico che industriale, nel raggiungimento di questi ed altri obiettivi. I ricercatori possono iniziare ad aiutare facendo stime più accurate del consumo di acqua. Certamente possiamo ridurre la fascia di consumo, che va da 200.000 miliardi di litri d'acqua a 20.000 miliardi, così come sviluppare il riciclo dei tessuti e migliorare la qualità di questo processo. È noto che i tessili usati finiscono spesso in discarica (circa l'85% negli Stati Uniti), anche per la mancanza di sistemi commerciali che facilitino la raccolta, il riciclo e la capillare disponibilità di materiali da riutilizzare .

Questo processo di riciclaggio richiede lo smistamento manuale dei materiali, la separazione di fibre, bottoni e cerniere. Tuttavia, sono attualmente in corso lavori per sviluppare macchine che possano aiutare a svolgere questo compito. Inoltre, ci sono tecnologie che possono riciclare chimicamente le fibre usate in fibre di alta qualità che possono essere riutilizzate nella produzione di abbigliamento, ma sono ancora lontane dalla scala di produzione richiesta. Un'altra sfida per i ricercatori in questo campo è come convincere consumatori e produttori a cambiare i loro modelli di consumo, un campo in crescita tra i ricercatori nelle scienze sociali e comportamentali. Altre domande di ricerca si sono concentrate sulla ricerca di modi per incoraggiare le persone ad acquistare beni durevoli, scoprendo un modo per soddisfare l'impulso ad acquistare nuovi prodotti riducendo al minimo il danno ambientale, comprendendo perché determinate azioni e iniziative hanno successo e si sviluppano, mentre altre falliscono.

Raccolta differenziata

Segui lo sviluppo

I ricercatori si aspettano anche una collaborazione tra industria e università per sviluppare un sistema, come un sistema elettronico, che ci consenta di tracciare le microplastiche dai tessuti. Ma l'efficacia di questo sistema dipende da una definizione concordata di cosa siano queste microplastiche, delle loro dimensioni e della loro composizione fisica. Le aziende, le università e gli attivisti ambientali, così come i governi, devono riflettere attentamente su come rendere disponibili queste tecnologie, accelerandone lo sviluppo, i test e, infine, l'adozione diffusa.

nuova innovazione

Il New Cotton Project ha sviluppato una soluzione innovativa per invertire queste statistiche, basata su una tecnologia proprietaria, promettendo di innovare portando circolarità nell'industria tessile, convertendo i rifiuti tessili in fibre di cotone di alta qualità.

vestiti riciclati

Preparati per i vestiti riciclati

Dal 2025 il riciclaggio dei rifiuti tessili sarà obbligatorio nell'Unione Europea e un'azienda finlandese, coordinatrice del progetto, ha presentato la sua tecnologia brevettata per convertire i tessuti pronti per la discarica in fibre di alta qualità che possono essere utilizzate per produrre abbigliamento per il l'intera industria della moda, dall'haute couture. L'azienda crea la fibra tessile Infinna, scientificamente nota come "fibra di cellulosa carbammata", molto simile al cotone. La nuova fibra non contiene disolfuro di carbonio e può essere miscelata con altri tipi di materiali come spandex e poliestere per produrre diversi tipi di tessuti. Questa tecnologia può trasformare i rifiuti tessili in una varietà di fibre e altri rifiuti di cellulosa, dando vita a nuovi Il modello circolare è una soluzione scalabile ed ecologica sotto tutti gli aspetti.

← Post meno recente Post più recente →

BLOG

RSS

Tag

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Di MTI

La Saint-Valentin, cette journée emblématique de l'amour et de la tendresse, est l'occasion parfaite pour célébrer les sentiments profonds et sincères. Dans ce cadre idyllique,...

Leggi di più
Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Di MTI

 Ah, Jacquemus ! Quand l'art rencontre la mode, c'est toujours un événement à marquer d'une pierre blanche. Et cette fois-ci, Simon Porte Jacquemus nous fait...

Leggi di più