Réductions, soldes ou promotions... un grand piège pour les consommateurs !

Sconti, saldi o promozioni... una grossa trappola per i consumatori!

Inserito da Marketing Melissa il giorno

Ci sono i saldi, le locandine sgargianti e colorate nelle vetrine, le pubblicità sui social, il turbinio di persone che vanno e vengono con le borse della spesa. Perché siamo così facili prede da comprare di più durante i saldi?

Con così tante pubblicità e informazioni, come possiamo aspettarci che il cervello non si senta tentato e non voglia comprare?

Sconti pubblicizzati dai negozi, in particolare negozi di abbigliamento e scarpe, anche se compaiono in modo prominente nelle occasioni festive, e occupano la maggior parte delle vetrine, e compaiono striscioni, alcuni dei quali indicano sconti enormi, a volte raggiungono il 75% e l'80%, ma molte persone considerali tutti falsi sconti e un metodo per ingannare le persone, quando scoprono l'aumento del valore della merce venduta, quindi pubblicizzano la riduzione o introducono merci di qualità inferiore e prezzo inferiore.

Vendita ed ecologia: due pratiche opposte?

Anche se hai seguito alcuni semplici consigli per passare un capodanno green, qualcuno si starà probabilmente chiedendo come comportarsi durante i saldi invernali, ha davvero senso acquistare in questo periodo?

In concreto, camminare per le strade delle nostre città e dei centri commerciali per rinnovare il proprio guardaroba e offrire regali di ogni genere contribuisce all'economia dei paesi, aiuta i commercianti a vendere e migliorare i propri prodotti.

Ma allo stesso tempo, tutti questi nuovi acquisti aumentano l'inquinamento del pianeta! Non si accontentano più, infatti, di una collezione Primavera/Estate e di una seconda novità Autunno/Inverno. La pratica irresponsabile del "Fast Fashion" fa sì che i marchi rilascino regolarmente nuove collezioni ogni mese o più. Questo stratagemma di marketing spinge naturalmente i clienti a spendere di più, sempre più tentati dai prodotti che arrivano a rinfrescare gli scaffali dei negozi. Non è raro che le persone acquistino vestiti e prodotti di ogni tipo che usano solo una o due volte. Niente di tutto questo fa bene al pianeta.

È possibile applicare una strategia di equilibrio che rispetti l'ambiente?

Quando si guarda ai danni che l'industria tessile ha causato ai nostri corsi d'acqua, è quasi impossibile pensare a promozioni e saldi ecologici.

Tuttavia, un numero crescente di marchi sta sostenendo un rapporto più etico con la moda e una maggiore trasparenza con i propri clienti, stanno ripensando il dietro le quinte della produzione per trasformare il loro rapporto con il consumo, compresi prezzi equi e sconti di fine stagione.

La strategia del marchio Melissa France e il suo posizionamento rispetto alle vendite

Durante i saldi, è l'invenduto che viene messo in evidenza. Tuttavia, gli articoli invenduti sono per definizione articoli che i marchi hanno faticato a vendere in quantità sufficienti. Quindi, per sbarazzarsene, la loro unica risorsa è creare un bisogno nel consumatore.

In Melissa produciamo solo due collezioni all'anno, queste collezioni vengono lanciate rispettivamente in primavera e in autunno ogni anno. Ciò significa che non dobbiamo sbarazzarci dei prodotti poiché fanno ancora parte di una nuova collezione.

Inoltre, essendo un marchio di scarpe vegano ed eco-responsabile, questa pratica di vendita eccessiva non si sposa con l'etica del nostro marchio.




← Post meno recente Post più recente →

BLOG

RSS

Tag

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Di MTI

La Saint-Valentin, cette journée emblématique de l'amour et de la tendresse, est l'occasion parfaite pour célébrer les sentiments profonds et sincères. Dans ce cadre idyllique,...

Leggi di più
Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Di MTI

 Ah, Jacquemus ! Quand l'art rencontre la mode, c'est toujours un événement à marquer d'une pierre blanche. Et cette fois-ci, Simon Porte Jacquemus nous fait...

Leggi di più