Vivienne Westwood : L’icône rebelle de la mode à ne jamais oublier

Vivienne Westwood: l'icona della moda ribelle che non dimenticherai mai

Inserito da Marketing Melissa il giorno

L'idolo della moda Vivienne Westwood, la pioniera stilista britannica che ha svolto un ruolo chiave nel movimento punk, è morta a Londra all'età di 81 anni.

È morta giovedì a Londra all'età di 81 anni, tra i membri della sua famiglia e i suoi cari, secondo un comunicato stampa ufficiale pubblicato dalla sua compagnia. Vivienne Westwood è un'icona della moda che si è fatta un nome negli anni '70 con il suo controverso stile New Wave anni '70 e ha continuato a dare i suoi tocchi di moda alle più grandi star.

Nell'aprile 1989, la defunta donna apparve sulla copertina della rivista " Tatler ", indossando un abito che diceva fosse destinato a Margaret Thatcher.

Insieme alla moda, Vivian si è interessata a molte questioni che ha presentato in passerella, come il cambiamento climatico e la vita ecologica.

Nel corso della sua carriera nel mondo della moda, Vivienne si è fatta un nome con il suo stile controverso, è stata soprannominata la "Regina degli estremi", avendo guidato una nuova ondata di design negli anni '70 e spinto i confini dell'industria della moda. Le sue creazioni ei suoi abiti sono stati indossati da grandissime star di tutto il mondo.  

Per i suoi grandi contributi al mondo della moda, Vivienne è stata insignita dell'Ordine dell'Impero Britannico dalla regina Elisabetta II nel 1992.

Nell'aprile 1989, è apparsa sulla copertina della rivista Tatler, indossando un abito disegnato dalla società di moda Aquascutum, che secondo lei era destinato all'ex primo ministro britannico Margaret Thatcher.

La carriera di Vivienne Westwood

Vivienne Isabel Swire è nato a Tintwistle, Cheshire in Inghilterra l'8 aprile 1941, da una madre che lavorava nell'industria tessile nei cotonifici locali e da un padre di una famiglia di calzolai, motivo per cui iniziò a confezionare abiti per se stessa da adolescente.

Dopo un periodo alla Harrow School of Art, ha lavorato come insegnante di scuola elementare, successivamente Vivienne ha sposato un operaio di nome Derek Westwood nel 1962 e ha avuto il suo primo figlio, Benjamin.

Ma tutto è cambiato quando ha lasciato il marito e ha incontrato Malcolm MacLaren nel 1965. Secondo Vivienne Westwood, Maclaren aveva la chiave per aprire diverse porte a grandissime opportunità, e da lì è iniziata la loro collaborazione creativa. 

All'età di 40 anni la Westwood lancia la sua prima collezione di moda con la McLaren e provoca un boom nel mondo della moda, la stilista inglese studia vecchie tecniche di cucito, poi ne demolisce alcune e inserisce le sue idee, approccio poi emulato da altri inglesi designer come John Galliano e Alexander McQueen .

Nel 1981, Westwood organizzò la sua prima sfilata o collezione di moda con il nome "The Pirate", e continuò a trarre ispirazione dalla storia britannica e francese per le sue creazioni. Nel 1989, John Fairchild, lo stimato editore della rivista Women's Wear Daily, ha dato la sua benedizione a Westwood, definendola uno dei sei designer più influenti del 20° secolo, insieme a Yves Saint Laurent, Karl Lagerfeld e Giorgio Armani, Christian Lacroix e Emanuele Ungaro.

Quindi la "Regina degli estremi" era l'unica donna, e l'unica britannica, sulla sua lista, nonché l'unica stilista che non possedeva un marchio multimilionario, poiché viveva ancora in un ex appartamento sociale nel a sud di Londra ed era "quasi al verde".

Nel 1992 Westwood ha sposato lo studente di design austriaco Andreas Kronthaler, di 25 anni più giovane di lei, e hanno lavorato insieme come designer, prima di rilevare la linea prêt-à-porter nel 2016.  

Negli anni 2000, Westwood ha disegnato abiti da sposa per artisti del calibro della modella Dita Von Teese, che ha indossato il suo abito viola per il suo matrimonio con Manson, e la principessa Eugenie, che ha indossato uno dei modelli di Westwood per il matrimonio del principe William con il principe William, Katherine.

Uno dei suoi momenti più memorabili in passerella è stata la sua scarpa con zeppa da 9 pollici, che ha inciampato la modella Naomi Campbell mentre camminava sulla passerella.

Le migliori collaborazioni di Vivenne Westwood

Nel corso della sua carriera, Vivienne Westwood ha collaborato con diversi marchi rinomati. Come Burberry , Asics , Vans , Eastpak , Melissa e molti altri.

Con il nostro marchio Melissa, la collaborazione ha dato vita a una collezione di scarpe vegane con tacco e ballerine molto eleganti che sono ancora disponibili per la vendita.

Questa collezione rappresenta perfettamente i due marchi molto impegnati nella protezione del pianeta e nell'eco-responsabilità.


Ecologo impegnato nella lotta al riscaldamento globale

Conosciuta per il suo appassionato attivismo sulle questioni climatiche e la libertà di parola, ha difeso il pianeta, dando spesso la priorità alla qualità rispetto alla quantità quando si tratta di consumo di moda. Per la sua sfilata Autunno/Inverno 2019/20 alla London Fashion Week, Westwood ha mandato in passerella modelle, attori e attivisti con cartelli politici, uno dei quali recitava: "Ciò che è buono per il pianeta è buono per l'economia".  

Ha anche partecipato a proteste ambientali, nel 2015 ha guidato memorabilmente un carro armato a casa dell'allora primo ministro britannico David Cameron per protestare contro il fracking.

Nel giugno 2020, Westwood, vestita di giallo, si è impiccata in una gigantesca gabbia per uccelli per protestare contro l'estradizione del fondatore di WikiLeaks Julian Assange alla Corte penale centrale britannica.

← Post meno recente Post più recente →

BLOG

RSS

Tag

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Di MTI

La Saint-Valentin, cette journée emblématique de l'amour et de la tendresse, est l'occasion parfaite pour célébrer les sentiments profonds et sincères. Dans ce cadre idyllique,...

Leggi di più
Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Di MTI

 Ah, Jacquemus ! Quand l'art rencontre la mode, c'est toujours un événement à marquer d'une pierre blanche. Et cette fois-ci, Simon Porte Jacquemus nous fait...

Leggi di più