green friday

green friday, l'alternativa al black friday simbolo del sovraconsumo

Inserito da INDIGITAL Collaborator il giorno

Il fenomeno del Black Friday americano - uno shopping sfrenato dopo il Ringraziamento così intenso da avere il suo contatore di morte - si è diffuso da tempo nel resto del mondo. Alcuni paesi non ne sono contenti.

Il Black Friday iniziò negli anni '50, un giorno in cui lo stoccaggio degli acquirenti americani prima di Natale trasformava i bilanci dei negozi da rosso, una perdita, in nero, un profitto. Non è stato fino agli anni '90 che questo giorno sacro del consumismo è diventato il fenomeno frenetico che è oggi, grazie al coinvolgimento delle principali catene di vendita al dettaglio. Negli anni 2000, il Black Friday si è diffuso in paesi al di fuori degli Stati Uniti, inclusa la Gran Bretagna, dove la catena di supermercati Asda di Walmart ha introdotto il concetto nel 2013.

Quindi, il Black Friday fa male all'ambiente? Gli esperti dicono di sì. Milioni di acquirenti acquistano e poi buttano via smartphone e TV, ad esempio, contribuendo ai 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici che il mondo produce ogni anno, che rilasciano sostanze chimiche tossiche come piombo e mercurio nel terreno. Nel frattempo, gli articoli consegnati a casa tua in un giorno lavorativo o meno mettono più camion diesel a terra e navi inquinanti sull'acqua. La produzione di articoli "fast fashion" è un processo estremamente ad alta intensità di carbonio, ma alla fine questi articoli finiscono in discarica.

C'è un dibattito tra gli esperti ambientali sulla misura in cui le decisioni individuali possono fare la differenza sul cambiamento climatico. Come ha scritto di recente Jason Mark, direttore della rivista di beneficenza ambientale Sierra Club, "il mantra della responsabilità personale... Offuscare la colpa dei giganti dei combustibili fossili e di altri attori industriali per alimentare la crisi". Ma, scrive, i cambiamenti individuali nei consumi, nei viaggi e nelle abitudini alimentari "non sono solo giusti ma necessari".

I consumatori sembrano prenderne atto. In un nuovo sondaggio di KPMG, il 61% dei consumatori del Regno Unito ha affermato di essere più consapevole dell'impatto ambientale delle proprie abitudini del Black Friday e del Cyber ​​Monday. E sempre più consumatori hanno affermato che i loro acquisti sarebbero stati pianificati, piuttosto che guidati da impulsi o offerte a breve termine.

Ma ora, tra le crescenti preoccupazioni per gli effetti del consumo eccessivo sul clima, alcuni attivisti stanno reagendo. In Francia, il gruppo per il clima Amis de la Terre (“Amici della Terra”) ha bloccato un magazzino Amazon nella periferia di Parigi con fieno e vecchi elettrodomestici da cucina, tenendo cartelli con la scritta “Amazon: per il clima, per i posti di lavoro, stop all'espansione, stop sovrapproduzione! ".

Il Green Friday (Green Friday) è stato lanciato nel 2017 dalla rete di riciclaggio e riparazione Envie, che ha lanciato questa iniziativa anti-consumo attraverso un open day nella sua officina.

Questa è una campagna alternativa al Black Friday che mira a incoraggiare una maggiore attività dei consumatori. Sullo sfondo della pandemia globale, dell'aumento delle vendite online e del cambiamento delle priorità dei consumatori, il Green Friday ha celebrato la sua quarta edizione alla fine di novembre. A priori, la crisi Covid dovrebbe favorire tali iniziative. Tuttavia, come mostra un nuovo sondaggio Yougov, lasciare che il Green Friday prenda il Black Friday sta ancora andando forte.

La famosa promozione del Black Friday nel 2020, originariamente prevista per il 27 novembre, potrebbe subire limitazioni senza precedenti. E può essere orgoglioso di varie piattaforme di e-commerce. Tuttavia, il Black Friday è stato sempre più criticato per il suo crudele consumismo, ma negli ultimi anni ha perso parte del suo splendore. I movimenti alternati di questa pioggia promozionale hanno iniziato a far parlare di loro. In Francia, il più famoso è senza dubbio il Green Friday.

La domanda è se il consumo promesso esisterà ancora in questo anno di pandemia.

Nel 2019, promuovendo un consumo responsabile e ragionevole, quasi 400 brand hanno aderito alla campagna del Green Friday. Più precisamente, l'ultimo venerdì di novembre, le aziende partecipanti al programma promettono di non abbassare i prezzi ai propri clienti, ma di donare il 10% del fatturato della giornata all'associazione promessa. Tutela dell'ambiente e dei diritti umani (etichette Zero Waste France, Piano Stop Obsolescenza, “Amici della Terra” e Codice Etico). Tra i membri del Green Friday troviamo brand come Maison Jeanne, life is belt o Altermundi. Ma i protagonisti del commercio online sono ancora pochissimi.

Autore della foto : NurPhoto Copyright: Cris Faga/NurPhoto

← Post meno recente Post più recente →

BLOG

RSS

Tag

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Célébration de l'Amour : Une Saint-Valentin Sublimée par Melissa Shoes

Di MTI

La Saint-Valentin, cette journée emblématique de l'amour et de la tendresse, est l'occasion parfaite pour célébrer les sentiments profonds et sincères. Dans ce cadre idyllique,...

Leggi di più
Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Jacquemus : "Les Sculptures", une Ode à l'Art et à la Mode

Di MTI

 Ah, Jacquemus ! Quand l'art rencontre la mode, c'est toujours un événement à marquer d'une pierre blanche. Et cette fois-ci, Simon Porte Jacquemus nous fait...

Leggi di più